Marco Rossari & intonarumori – Le cento vite di Nemesio

Quando: 7 marzo 2017 @ 18:30 - 20:30
Dove: T Fondaco dei Tedeschi, Venezia

Marco Rossari & intonarumori

Le cento vite di Nemesio

Schermata 2017-02-02 alle 11.42.33

Qual è il segreto della felicità? Nemesio non l’ha ancora scoperto. Vive una vita grigia, ha un lavoro opaco e non parla con il padre da anni. Anzi, per distinguersi dal vecchio, che gli ha dato il suo stesso nome, si fa chiamare Nemo, nessuno. Al contrario il padre, un grande pittore, ha avuto una vita che definire piena è poco: ragazzo del ‘99, ha partecipato a due guerre mondiali, ha combattuto da partigiano, ha vissuto il futurismo e tutte le avanguardie del secolo, e ha amato tante donne, tra cui quella con cui ha concepito Nemo, quando aveva già superato i settant’anni. E ancora non molla.
Allo scoccare del Duemila e di una grande mostra retrospettiva per i suoi cent’anni, il vecchio maestro ha un malore che costringe il figlio a recarsi al suo capezzale. Nemo non sa che sarà l’inizio di un viaggio fantastico: grazie a una serie di oggetti portentosi, nel corso di una settimana rocambolesca, Nemo rivivrà le cento vite di un padre sconosciuto, di un mondo lontanissimo eppure vivo, di un amore lungo tutto il Novecento.
La storia di un uomo che ha visto tutto e di uno che non ha visto niente, ma anche di un secolo e di una settimana. 

Una lettura con una colonna sonora retrofuturista scritta appositamente, da un romanzo in cui tra storia e invenzione sfilano gli amori e le passioni di tutta un’era, la Parigi bohémienne e la Germania di Weimar, l’Italia fascista e l’intransigenza del PCI, in una storia avventurosa e visionaria, esilarante e commovente, tra Kurt Vonnegut e Stefano Benni, tra Jaroslav Hašek e i Monty Python.

martedì 7 marzo, ore 18:30

T Fondaco dei Tedeschi

Calle del Fontego dei Tedeschi – Ponte di Rialto – Venezia

Event Pavilion — 4° piano
Le letture saranno in lingua italiana | Entrata dalle ore 18.15

Ingresso libero fino a esaurimento posti
Info e prenotazione: fondaco.culture@dfs.com