Diamoci del tempo

Diamoci del tempo
La nuova rassegna culturale di T Fondaco dei tedeschi
Gli eventi firmati da Veneto Jazz

SCARICA IL PROGRAMMA

_MG_2728

Dal mese di ottobre, per ricordare il primo anno di apertura del Fondaco, l’Event Pavilion ospiterà il programma culturale intitolato ‘Diamoci del tempo’, che prende spunto dalle numerose tracce lasciate dallo scorrere del tempo all’interno di un edificio che ha attraversato i secoli.

Nel periodo storico in cui viviamo, caratterizzato dall’immediatezza, dall’effimero e dall’accelerazione del ritmo della vita, i visitatori del Fondaco saranno quindi invitati a “darsi del tempo” partecipando a una serie di incontri con artisti, scrittori e musicisti che hanno messo il tempo, i vari modi di scandirlo e di conservarlo, al centro delle loro riflessioni.

Veneto Jazz parteciperà alla rassegna con due appuntamenti musicali: un incontro con lo storico e musicologo Ashley Kahn, autore di “Kind of Blue” (Il Saggiatore), per un viaggio nel tempo alla scoperta di contributi, molti inediti, di frammenti di registrazioni, video, tracce, che ricostruiscono la sciamanica personalità di Miles Davis, la magia della creazione artistica e l’atmosfera di un’epoca (19 ottobre); e un progetto ibrido tra musica e fotografia dal titolo “Il tempo in posa”, in cui saranno presentati soggetti in posa da secoli e gesti antichi eseguiti in tempi moderni catturati dal fotografo Pino Ninfa in un dialogo fra passato, presente e futuro esaltato dalla musica di Giovanni Falzone Alessandro Rossi (23 novembre). 

Per il tempo della scrittura, invece, Luca Ricci presenta “Il tempo dei racconti”,alla scoperta del tempo del racconto, come agisce e come viene governato nell’economia di una narrazione breve, il primo di una serie di incontri curati da Stefano Spagnolo (16 novembre).

Tutti gli eventi si svolgono all’Event Pavilion, il nuovo spazio restaurato da Rem Koolhaas e collocato al quarto piano dell’edificio.

Il programma continuerà anche nel mese di dicembre
Inizio eventi ore 18.30. Ingresso dalle 18.15.
Ingresso libero su prenotazione, scrivendo a fondaco.culture@dfs.com