Stefano Bollani

Stefano Bollani, Piano Solo per Venezia Jazz Festival.

L’esclusivo evento in programma il 28 luglio al Teatro Goldoni.
Un omaggio all’arte dell’improvvisazione,
un viaggio a perdifiato fra orizzonti musicali diversi.

IMG_6217 (2)BAS

Stefano Bollani torna a Venezia per un concerto di piano solo, firmando uno degli eventi più attesi della decima edizione di Venezia Jazz Festival, organizzata da Veneto Jazz in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Città. In programma il 28 luglio al Teatro Goldoni (inizio ore 21.30), il celebre pianista più che un tradizionale concerto al pianoforte propone un omaggio all’arte dell’improvvisazione.

Nel momento in cui Stefano Bollani sale sul palco per il suo one man show, infatti tutto può accadere. Non esiste nessuna scaletta, nessun programma di sala a cui aggrapparsi per seguire il succedersi dei brani. Lo spettatore è trascinato in un’avventura ogni sera diversa, un viaggio a perdifiato attraverso orizzonti musicali solo apparentemente lontani.

Si può passare così da Bach ai Beatles, da Stravinskij ai ritmi brasiliani, con improvvise incursioni nel pop o nel repertorio italiano degli anni Quaranta. In questo vero e proprio flusso di coscienza musicale, il riso e l’emozione si mescolano.

Una sola cosa è certa, alla fine del concerto sarà il pubblico a decidere il bis. Bollani diligentemente segna ed esegue sul momento i pezzi richiesti: un medley imprevedibile in cui il virtuosismo si mescola all’irriverenza.

Musica come enorme gioco da re-inventare in continuazione, da solo o con i compari più diversi. Bollani sale sul palco per imparare ogni sera qualcosa e “perché è più conveniente che pagare uno psicanalista”. Cerca stimoli ovunque, in tutta la musica del passato ma soprattutto esplora il presente, l’attimo, improvvisando a fianco di grandi artisti come il suo nobile mentore Enrico Rava, Richard Galliano, Bill Frisell, Paul Motian, Chick Corea. Con lo stesso animo si insinua all’ interno di orchestre sinfoniche come la Gewandhaus di Leipzig, la Scala di Milano e l’Orchestre National de Paris facendosi prendere per mano da direttori coraggiosi e entusiasti come Riccardo Chailly, Krjstian Jarvi, Daniel Harding. Insieme al bassista Jesper Bodilsen e al batterista Morten Lund, da 12 anni, cerca il modo di far vivere al pubblico lo stesso divertimento che provano loro ogni qual volta le voci dei loro strumenti si uniscono. Celebra la forma-canzone fianco a fianco con Caetano Veloso e Hector Zazou ma anche insieme a noti conterranei quali Irene Grandi, Fabio Concato, Elio e le storie tese. Quando non suona, scrive libri o inventa spettacoli teatrali come Primo Piano, con la Banda Osiris o La regina dada. In radio, complice quel geniaccio di David Riondino, ha dato vita al Dottor Djembè, onnisciente musicologo che ha sparso semi di ironia e sarcasmo per svariati anni dai microfoni di RadioRai3. In tv, dopo l’esperienza alla corte di Renzo Arbore, si è lanciato per Rai3 in jam-session di parola e musica in due stagioni del suo Sostiene Bollani. Tutto sempre per comunicare gioia. Joy in spite of everything, come recita il titolo di un suo recente lavoro per ECM, prendendo in prestito una frase del grande Tom Robbins.

Il suo progetto più recente è L’importante è avere un piano (Rai1, 2016): sette appuntamenti in seconda serata su Rai1 con ospiti, improvvisazioni e musica dal vivo.

Venezia Jazz Festival fa parte di Venice Met Fest, festival della Città Metropolitana di Venezia, organizzato da Veneto Jazz in collaborazione con Città Metropolitana di Venezia, Regione del Veneto e Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Inizio concerto ore 21.30

Biglietti:
platea 40€ + diritti di prevendite
galleria 32€ + diritti di prevendite
Ridotto (under 25, over 60)  30€ + diritto di prevendita (solo nei punti vendita esibendo un documento)

Biglietteria Teatro Goldoni:
dal lunedì al sabato
orario 10.00-13.00 /15.00-18.30
tel. 041.2402011-2402017
www.teatrostabileveneto.it 

Informazioni:
Veneto Jazz – jazz@venetojazz.com – mob. (+39) 366.2700299